A cena fuori con un figlio autistico

Ecco Luca. Vedete l’espressione? Eravamo a casa di mio padre, stavamo aspettando che tutto fosse pronto per la cena della Vigilia di Natale e lui aveva già  adocchiato il primo previsto: gnocchi di semolino. Non li aveva mai assaggiati, ma Luca è eccezionale nel capire lontano un miglio cosa gli piacerà  e cosa no. Come molte persone autistiche ama mangiare. Il cibo per lui è importante; spesso è un riempimento, un modo di calmare l’ansia, un momento comunque di appagamento e soddisfazione. Luca aveva intuito già  solo guardando che gli gnocchi di semolino non gli sarebbero piaciuti. Così è stato. Ha assaggiato solo un mezzo boccone e ha sputato disgustato il tutto nel piatto. In modo plateale ed inequivocabile.

Andare a cena da qualcuno con un ragazzino autistico è molto rischioso. Luca ieri sera ha reagito bene, aspettando pazientemente l’arrivo del secondo, per fortuna di suo gradimento; poteva però succedere, come è successo altre volte, che questo imprevisto negativo innescasse in lui (già  affamato e stanco di aspettare) una serie di reazioni negative, quelle che i medici chiamano “comportamenti-problema”.

Il mio consiglio? Al diavolo la buona educazione….se qualcuno vi invita a cena parlate molto francamente e chiedete di prevedere nel menu qualcosa che siete sicuri che vostro figlio mangia volentieri.

Pregate poi i vostri amici o parenti di darvi un orario preciso sull’inizio del pranzo o della cena e regolatevi di conseguenza: potrete prevedere una merenda più abbondante nel pomeriggio per fare arrivare il bambino dai vostri ospiti senza un appetito stratosferico, o potrete al contrario contare proprio sull’inizio del pasto per fargli associare un ambiente nuovo a qualcosa di positivo e gratificante come il cibo.

Mi sono inibita tanti pranzi e cene da amici e parenti, in questi dieci anni. Era faticoso “gestire” Luca, non era piacevole condizionare altre persone e non ero mai comunque completamente sicura di come sarebbe andata la serata.

Ora ho preso più coraggio e sono più disinvolta. La mia è la volontà  di far vivere a mio figlio le normali esperienze della vita e di contribuire ad “abituare” le persone che mi circondano a vivere con naturalezza il contatto con le persone con autismo.

Elisabetta Tonini

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>