Il 2 aprile di una Costabissara blu

Quest’anno a Costabissara la giornata mondiale sulla consapevolezza dell’autismo non solo si è sentita ma si è anche vista: è stata blu.

Grazie al progetto “Conosciamoci” (per ulteriori info premi qui) il paese sta imparando ad essere autism friendly e ha dimostrato i suoi primi frutti in questa giornata di primavera.

Gli strepitosi ragazzi della 1A della scuola secondaria di primo grado “G. Ungaretti di Costabissara” hanno realizzato un poster per ricordare ai loro concittadini di informarsi, diffondere, riflettere e discutere sull’autismo, su chi ne è affetto e sulla sua famiglia.

Questi ragazzi hanno la fortuna di avere un compagno di classe speciale che ha insegnato loro che cos’è l’autismo e hanno contribuito a diffondere la loro consapevolezza all’intero paese… ora ai bissaresi è chiaro che l’autismo non c’entra niente né con i disturbi di memoria dell’anziano, né con i camion!

Luca e il suo team, formato da compagni di classe, fratelli, genitori e terapiste ha passato in rassegna (quasi) tutte le attività commerciali e pubbliche del suo bel paese: Luca consegnava i poster, i compagni di classe spiegavano di cosa si trattava e chi voleva faceva una foto, qualche domanda o esprimeva il suo supporto.

Un gran numero di questi aveva partecipato alla serata di formazione sull’autism friendly e ha prontamente messo in pratica le nuove conoscenze: la direttrice delle poste ha dato istruzioni alle dipendenti di far saltare la fila, l’erborista ha fatto scegliere uno spruzzo di profumo, il gelataio ha alzato la mano per il batti 5, tutti hanno chiesto come potevano essere d’aiuto.

Luca è stato accolto con una delicatezza calda, amica, che non richiedeva sguardi o risposte per dare valore allo stare insieme.

Molti ci hanno chiesto di fermarci a parlare del progetto, hanno fatto domande sull’autismo e hanno scelto di spendere, anzi, guadagnare del tempo per stare insieme ad un ragazzo con autismo. Convincerlo a rimanere non è stato difficile…diciamo che nei prossimi giorni le gelaterie di Costabissara non garantiranno la presenza del gusto cioccolato, scomparso in circostanze poco sospette!

All’inizio pensavamo che per Luca sarebbe stato stressante cambiare la routine, incontrare così tante persone, non sapere quando si sarebbe tornati a casa, invece ci ha stupiti per la sua serenità.

Sentite questa: siamo entrati in una gelateria, lui ha ordinato il suo gelato al cioccolato e prima di mangiarlo (incredibile) ha chiesto “FOTO!” La gelataia si è resa disponibile, abbiamo scattato la foto e dopo 10 minuti “FOTO!” …ci ha preso gusto la nostra star!

È stata una giornata di sole per Luca, per il suo team, per Costabissara e per i sogni dell’autism friendly. Una giornata di sole blu.

Monica Golin

Psicologa clinica abilitata, tutor ABA, specializzanda in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>