Progetto “E…state sereni” in Gargano: il luogo

Il luogo “autism friendly” scelto dai dottori Giovanni Ippolito e Giovanni Caputo per il progetto “E….state sereni” è il “Pugnochiuso Resort”, nel paradiso pugliese del Gargano.

Andate innanzitutto a visitare il link del Resort: qui

Questo è il link per il “dove siamo” del Resort, dal quale potrete vedere i percorsi consigliati per raggiungere il luogo con l’auto, il treno o l’aereo:  qui  

Vi diciamo subito che il sito, per quanto completo nelle sue spiegazioni sui servizi offerti e sulla bellezza del posto, non rende giustizia.

Pugnochiuso è incantevole; per chi, come me, ha sangue meridionale nelle vene, è un pezzo di paradiso pugliese: ogni volta che ci torno mi inebrio del suo mare, dei suoi ulivi, dei bellissimi oleandri, dei pini freschi e di tutta la vegetazione che cresce naturale ed apparentemente spontanea ma che, in realtà, è frutto di una manutenzione attenta e quotidiana; per chi non è meridionale….Pugnochiuso è un’occasione per conoscere e scoprire profumi, suoni, sensazioni e sapori che nessun sito e nessuna fotografia potrebbero mai descrivere.

Una cosa va detta: il viaggio, per chi non è di queste parti e magari viene da lontano, è lungo.

Arrivando da Vicenza, ad esempio, il tratto fino a Foggia è una passeggiata; tutto sommato non è male nemmeno la strada da Foggia a Mattinata. Dopo Mattinata, invece, la litoranea fino a Pugnochiuso è….interminabile e, puntualmente, ogni anno credo di avere sbagliato strada! Forse mi sembra lunghissima perchè è tutta curve, si scende, poi si sale, poi si scende di nuovo e poi si sale ancora….Insomma….non abbiate paura di avere sbagliato strada, proseguite senza paura, guardate con prudenza in giù il mare che costeggia la strada e…..sarete “quasi” arrivati quando troverete il masso con la scritta “Pugnochiuso”; dico “quasi arrivati” perchè anche da lì c’è un pezzettino di strada, ma il tratto da qui in poi è veramente breve.

Inutile dire, comunque, che, se “Parigi val bene una messa” anche “Pugnochiuso val bene un viaggio un pò faticoso”; qualche curva in più e sarete  tra gli “eletti” che passeranno lì una vacanza.

All’arrivo alla portineria del Resort vi basterà dire che siete del gruppo di “E….state sereni” e vi faranno entrare senza file o attese: si sa che, specie dopo un lungo viaggio, i nostri figli non possono aspettare oltre e tutto è organizzato per agevolarvi il più possibile.

Vi faranno entrare con la macchina all’interno del Resort, potrete tenerla vicino alla vostra casetta per scaricare le valige e tutti i vostri pacchi e solo dopo averlo fatto dovrete portare la macchina nei parcheggi vicino all’uscita.

Non ci sono auto, a Pugnochiuso, ma si gira a piedi o…..con delle bellissime navette!

Un anno ho dimenticato di portare indietro la macchina, dopo averla svuotata, e….ho fatto arrivare i rangers della sicurezza che hanno subito avvisato il dr. Caputo, che ha subito avvisato me. Questo per farvi capire che la sicurezza funziona, nel Resort, e che tutto quello che il gruppo “E…..state sereni” fa ha i suoi responsabili negli psicologi che lo hanno organizzato. Si è veramente portati per mano per qualunque cosa, si è coccolati ed accolti e “dall’altro capo del filo” ci sono persone vere ed autentiche che vi aiuteranno e non un servizio freddo ed impersonale.

Il check in verrà fatto dagli operatori del gruppo o, se siete davvero fortunati, dai dottori Ippolito e Caputo in persona o dalla dottoressa Michela Gambatesa,  deliziosa moglie di Giovanni Ippolito, e dalle loro figlie, Consiglia e Giordana.

Lo scorso anno, dopo 12 ore di macchina, ero sfinita ed ho avuto un piccolo incidente nell’ultimissima salita, proprio dentro il Resort: come in un film la macchina si è spenta ed ha cominciato, in folle, a precipitare all’indietro; ho sbandato e siamo finiti quasi in bilico sulla fiancata: come in un film, anche qui!, Ippolito & Caputo sono arrivati e, come due Superman in azione ci hanno aiutato a superare un momento di panico! E’ accorso anche un papà di un bimbo autistico che conosciamo, Giuseppe Pellegrino, e a tutti e tre va il nostro personale e duraturo ringraziamento!

Per sapere come il progetto ” E…….state sereni” ha organizzato ciò che succede dopo l’arrivo….appuntamento al prossimo “post” !

 

 

Elisabetta Tonini

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>